Come faccio a capire se ho un’intolleranza alimentare?

Come faccio a capire se ho un’intolleranza alimentare?
Alimentazione e Microbiota / Strumenti e Metodi

Come faccio a capire se ho un’intolleranza alimentare?

I problemi di sensibilità legati agli alimenti stanno diventando sempre più diffusi e talvolta superano le condizioni clinicamente identificabili, come le intolleranze enzimatiche, la celiachia e le allergie. In questo articolo cerchiamo di chiarire le diverse problematiche legate al consumo di specifici alimenti.

Intolleranza alimentare

Le intolleranze enzimatiche, come quella al lattosio, possono comparire fin dai primi anni di vita o svilupparsi nel corso degli anni. Sono dose-dipendenti, ovvero legate alla quantità di alimenti assunti e alla quantità di enzima presente nel tratto intestinale.

Questo tipo di intolleranze sono correlate all’incapacità dell’organismo di digerire specifiche sostanze presenti nell’alimento a causa della riduzione o della mancanza di produzione dell’enzima responsabile della sua scissione. I composti restano indigeriti nel lume intestinale e possono causare problemi gastrointestinali come crampi, flatulenza e diarrea, a causa di fermentazione da parte del microbiota e dall’accumulo di acqua nell’intestino. I sintomi non si manifestano immediatamente, ma solitamente qualche ora dopo il pasto.

Diagnosi dell’intolleranza alimentare

La diagnosi viene effettuata con il breath test al lattosio e, eventualmente, tramite l’analisi genetica del gene LCT.

Allergia alimentare

Nel caso di allergie alimentari, la reazione è mediata dalla produzione di anticorpi di tipo IgE specifici verso componenti di un alimento. Le reazioni allergiche provocano il rilascio in circolo di grandi quantità di istamina, ma non si verificano alla prima esposizione all’allergene, bensì dalla seconda in poi.

Differenza tra intolleranza e allergia

Le allergie non dipendono, invece, dalla quantità di alimento ingerito, ovvero non sono dose-dipendenti: spesso il solo contatto con l’alimento a livello orale può scatenarle. Le reazioni sono immediate e possono manifestarsi con una gamma di sintomi, dai più leggeri come pizzicore o prurito, a sintomi più gravi e sistemici come nausea, vomito, dolori addominali fino ad arrivare allo shock anafilattico.

I test per accertare le allergie possono essere effettuati sul sangue, cercando specifiche IgE per l’alimento o il composto in questione, o con ISACC e Alex test. Altri metodi includono i test cutanei come il prick test e il patch test.

La celiachia

La celiachia si inserisce in questo quadro come una patologia cronica di tipo autoimmune scatenata dall’ingestione di glutine anche in piccole quantità. Ho approfondito i sintomi, il trattamento e molto altro in questo articolo del blog: Come faccio a capire di avere la celiachia?

Altre forme di reazioni avverse agli alimenti

Oltre alle manifestazioni cliniche accertate e per le quali esistono test diagnostici validati, ci sono anche una serie di manifestazioni intestinali o sistemiche come mal di testa, spossatezza, problemi dermatologici e disturbi del sonno, che possono essere collegati alla sensibilità verso particolari alimenti o, più frequentemente, gruppi alimentari.

Forme di intolleranza alimentare

Ad oggi, non esistono test diagnostici validati per tutte queste condizioni, e l’affidabilità dei test di intolleranza alimentare attualmente disponibili sul mercato non è ancora chiara. Tra le varie forme di intolleranza alimentare, possiamo distinguere:

  • Intolleranza farmacologica: dovuta alla presenza, nel cibo assunto, di componenti farmacologicamente attivi. Ne sono un esempio le cosiddette ammine vasoattive (tiramina, istamina e caffeina) contenute in pesce, cioccolato e prodotti fermentati, oppure le sostanze aggiunte agli alimenti (additivi alimentari) come coloranti, esaltatori di sapore, conservanti, aromi naturali e artificiali.

  • Intolleranza alimentare secondaria, si verifica come conseguenza di altre patologie. In genere coinvolge il tratto gastrointestinale, come accade nelle persone affette da malattie infiammatorie dell’intestino (IBD), gastrite, reflusso gastroesofageo, calcoli della colecisti o post intervento chirurgico come nel caso di persone che hanno subito resezioni gastriche o intestinali o colecistectomia.

  • Intolleranza alimentare con causa indefinita, a volte anche dovuta ad una risposta dell’organismo su base psicologica e psicosomatica. Ne sono un esempio gli effetti dovuti all’autosuggestione che si verificano quando si mangia un alimento o una sostanza verso cui si prova avversione o repulsione (food adversion).

In queste ultime rientrano anche tutte quelle manifestazioni in cui non ci sono indicatori clinici evidenti di un problema specifico, ma che comunque causano disagio e riducono la qualità della vita della persona.

Il modo migliore, attualmente, per indagarle è quello di partire da una completa anamnesi, che può aiutare a individuare anche eventuali alterazioni del microbiota intestinale (con o senza l’ausilio di specifici test). Un approccio importante è adottare un’alimentazione e uno stile vita che possano contribuire a ridurre lo stato infiammatorio generale dell’organismo.

Nelle fasi iniziali, potrebbe essere utile procedere con l’esclusione o riduzione delle macrocategorie alimentari più comunemente consumate, in quanto le reazioni spesso sono legate ad un effetto accumulo per la scarsa varietà dell’alimentazione. Successivamente, sarà possibile reintrodurre gradualmente gli alimenti, fino a trovare la tua personale e unica soglia di tolleranza.

Ricorda, inoltre, che questa potrà variare nel tempo anche in base a fattori esterni come stress, cambi di ritmi e abitudini, cambi di ambiente, terapie farmacologiche e così via.

La cosa fondamentale prima di iniziare qualsiasi esclusione alimentare dalla tua dieta è però procedere con l’esclusione delle condizioni cliniche descritte all’inizio di quest’articolo per cui abbiano test sicuri e scientificamente validati.

Contattami

    Select the fields to be shown. Others will be hidden. Drag and drop to rearrange the order.
    • Image
    • SKU
    • Rating
    • Price
    • Stock
    • Availability
    • Add to cart
    • Description
    • Content
    • Weight
    • Dimensions
    • Additional information
    Click outside to hide the comparison bar
    Compare